L'Orfanotrofio di Cissin

La Ristrutturazione

I primi due degli otto obiettivi del millennio sottoscritti nel 2000 dai 189 stati membri delle Nazioni Unite, dicono che entro il 2015 dovremmo eliminare la povertà estrema e la fame, e raggiungere l’istruzione primaria universale.

Il presente progetto vuole contribuire al perseguimento di questo risultato. La frequenza al centro di formazione, oltre a dare un’istruzione primaria di base che potrà promuovere uno sviluppo culturale ed economico, garantisce ai bambini diseredati un luogo in cui crescere in relazione agli altri, protetti dalle insidie della strada.

Il centro, attraverso i corsi scolastici e la possibilità di trovare un luogo dove mangiare e dormire, svolge anche un importante ruolo sociale, ponendo un limite al lavoro minorile, allo sfruttamento giovanile, al degrado sociale e morale che sfocia inevitabilmente nel diffuso fenomeno dei ragazzi di strada, con relative forme di neo-schiavismo. Il centro consente una scolarizzazione di base e l’educazione morale, sociale, civile e culturale dei ragazzi orfani e diseredati, che non avrebbero altra alternativa che la strada.

In Burkina Faso la cultura dominante ha mantenuto e mantiene ancora i bambini orfani in condizioni molto difficili di sviluppo ed emancipazione. Questi bambini sono relegati a livelli di grande arretratezza sul piano scolastico, sociale ed educativo, a causa di pregiudizi e discriminazioni. Spesso, avendo perduto la possibilità di andare a scuola, non credono più in un possibile futuro di riscatto socio-culturale.

Per questa ragione occorre incoraggiare i bambini più svantaggiati, sfortunati, orfani, abbandonati e marginalizzati, a mettere in risalto le loro capacità fisiche, morali e intellettuali, togliendoli dalla strada con tutte le sue forme di sfruttamento e delinquenza minorile.
L’Associazione CHEFED, fondata dal Pastore Bonkoungou Abel, ha offerto a circa 180 bambini orfani e svantaggiati la possibilità di frequentare la scuola primaria all’interno dell’abitazione stessa del Pastore. Una parte dello stabile è stata ristrutturata da aprile ad agosto 2013, grazie ad un contributo della chiesa Valdese. E’ tuttavia rimasta in situazione molto precaria l’ala destra dello stabile: si tratta di tre classi, delle latrine e del cortile con terrazza.

La ristrutturazione della struttura sarà accompagnata da forme di sostegno didattico-pedagogico attraverso l’azione diretta di operatori locali e stranieri specializzati; saranno parallelamente effettuate attività didattiche volte al miglioramento del livello scolastico, come:

  • partecipazione ad un progetto di sperimentazione sulla letto-scrittura
  • incentivi all’eccellenza scolastica
  • fornitura di materiale didattico
  • corrispondenza e scambio con alunni delle scuole italiane
  • corsi di formazione degli insegnanti
  • sostegno scolastico a distanza

DURATA DEL PROGETTO:

Dal momento dell’avvio dei lavori, saranno necessari 4 mesi per ultimare la ristrutturazione della scuola, delle latrine e dell’area cortiliva.

PARTNER:

Pubblici o privati, Nazionali o Internazionali del progetto:

– ONG Bambini nel Deserto – ONLUS
– CENTRE HUMANITAIRE D’EDUCATION ET DE FORMATION DES ENFANTS DESHERITES (CHEFED)
– ASSOCIATION JEUNES TALENTS-WENDENSO (AJTV): è un’associazione laica, apolitica, umanitaria, non a scopo di lucro.
– ASSOCIAZIONE ONPA (Organizzazione Internazionale di Partenariato di Associazioni)

Dettagli Progetto:

Ristrutturazione di un centro di ospitalità, formazione, istruzione e protezione sociale per bambini orfani o in condizioni disagiate in Burkina Faso a Ouagadougou, settore 17, quartiere Cissin.

COSTO TOTALE DEL PROGETTO:
13.707,00 euro